CronacaEvidenza

Continuità aerea, Ita esclusa

Si avvia una procedura negoziata. Dodici vettori riceveranno un invito a presentare offerte. Marino (M5S): «Continuità ko per colpa della Regione»

Cagliari. L’Assessorato regionale dei Trasporti ha escluso ieri (giovedì) Ita dalla gara per l’affidamento del servizio di continuità territoriale aerea, per carenza di requisiti. Si avvia una procedura negoziata. Dodici vettori riceveranno a breve un invito a presentare le proprie offerte.

«Ancora una volta la Sardegna rischia uno stallo del regime di Continuità aerea, indispensabile per garantire il diritto alla mobilità dei sardi, per l’incapacità manifesta della Regione Sardegna», commenta il deputato del M5S Nardo Marino. «Infatti, la procedura d’urgenza non deve passare come un qualcosa di normale: è stato solo l’ennesimo salvagente lanciato dal Governo alla Regione. Non si scarichi la responsabilità su Alitalia di cui già da tempo le tristi sorti erano segnate e conosciute da tutti. Non si doveva arrivare alla procedura d’urgenza. In questi due anni di giunta Solinas, ho presentato diversi atti formali alla Camera del Deputati per avere ragguagli circa la situazione della continuità territoriale aerea. Anche nell’ultima audizione alla Commissione Trasporti, così come nell’ultimo documento inviatoci dall’assessore regionale ai Trasporti, abbiamo avuto rassicurazioni sulla corretta gestione di quanto necessario per garantire la prosecuzione della continuità aerea. La realtà è che il Governo in questi anni non ha ricevuto da parte della Regione alcuna richiesta proveniente dalla Conferenza di servizi che fosse compatibile con le chiare previsioni normative Ue».

«Adesso si apprende che anche sulla procedura d’urgenza la Regione non è stata in grado di salvaguardare il diritto alla mobilità dei sardi. A pochi giorni dal concerto isolamento della Sardegna, si dà il via ad una nuova procedura negoziata. La stessa alla quale, solo pochi giorni fa, hanno aderito solo due vettori, entrambi poi esclusi dalla stessa Regione Sardegna alla quale, lo ricordo, compete anche la stesura del nuovo bando volto a garantire la mobilità dei sardi per i prossimi anni. L’inerzia della Giunta Solinas, cieca e sorda davanti alle richieste del territorio, non è più tollerabile. Considerato il grave rischio che sta correndo l’Isola e i suoi abitanti, proporrò di dare immediata attuazione al mio ordine del giorno, già approvato dal Governo nel luglio del 2020, con il quale chiedevo che venisse sospeso il protocollo del 2010 con assunzione diretta da parte del Governo delle competenze in materia di continuità territoriale aerea in caso di inottemperanza da parte della Regione. Lavorerò per chiedere al Governo un provvedimento urgente o una misura di contenimento nel rispetto della normativa vigente», conclude Nardo Marino, deputato del Movimento 5 Stelle e componente della Commissione Trasporti.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: