EconomiaEvidenza

Confindustria CNS e ATS, incontro informativo su sostanze chimiche

Illustrate in videoconferenza a 25 operatori dei cantieri nautici della Gallura le modalità di preparazione e di controllo delle schede di sicurezza

Sassari. Confindustria Centro Nord Sardegna rimodula le modalità di svolgimento degli incontri rivolti ai propri associati. In tempo di emergenza sanitaria per il coronavirus l’attività dell’Associazione di categoria verso le imprese si svolge utilizzando gli strumenti del web e in particolare le piattaforme che consentono riunioni in collegamento video e audio. Così, nei giorni scorsi, grazie all’ATS Sardegna, attraverso il Dipartimento di Prevenzione Zona Nord, gli associati di Confindustria CNS e delle altre associazioni di categoria, CNA, Confartigianato e Confapi, hanno partecipato in videoconferenza su Zoom a un incontro informativo, riservato ai cantieri nautici della Gallura, sull’applicazione e la gestione delle normative introdotte dai regolamenti comunitari Reach (reg. CE 1907/2006) e CLP (Reg. CE 1272/2008) che disciplinano la corretta gestione delle sostanze chimiche nelle attività produttive.

Dopo i saluti di Pietro Masia, direttore del Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPreSAL) per il Dipartimento di Prevenzione Zona Nord dell’ATS, e con il coordinamento del direttore di Confindustria Centro Nord Sardegna Giansimone Masia, sono intervenuti Domenico Lombardi (Dipartimento SPreSAL Zona Nord ATS Sardegna – Ispettore Reach-Clp-Biocidi ASSL di Olbia), che ha illustrato i concetti base dei Regolamenti CE Reach e Clp, Leda Bettini (Dipartimento SPreSAL Zona Nord ATS Sardegna – Ispettore Reach-Clp-Biocidi ASSL di Olbia), che si è soffermata sui contenuti e le criticità delle schede di sicurezza (da compilare seguendo parametri prestabiliti) e dell’etichettatura (obbligatoria) dei prodotti chimici pericolosi, e Roberto Cesaraccio (Confindustria CNS), ingegnere e consulente dello Studio CS Srl, che ha spiegato quali sono le migliori tecniche di imballaggio, stoccaggio e conservazione dei prodotti oggetto dei due regolamenti comunitari.

Nel corso dell’incontro, seguito in remoto da 25 operatori in rappresentanza dei più importanti cantieri nautici della Gallura, sono stati analizzati anche gli obiettivi alla base della normativa europea. Innanzitutto assicurare un elevato livello di protezione della salute umana e la tutela ambientale; poi favorire la libera circolazione delle sostanze e delle miscele nel mercato interno; infine rafforzare la competitività attraverso l’innovazione scientifica. Il regolamento comunitario Reach (Reg. CE 1907/2006) ha istituito un’autorità europea, ECHA, Agenzia per le sostanze chimiche, con sede a Helsinki. Il regolamento CLP (Reg. CE 1272/2008) riguarda invece più specificamente la classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze chimiche e delle miscele. Le verifiche e i controlli avvengono in Italia tramite il Ministero della Salute e, a cascata, in base alle competenze regionali attribuite in Sardegna alle ASSL dell’ATS, grazie all’intervento degli operatori dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASSL, degli Usmaf (Uffici di Sanità marittima, Aerea e di Frontiera), dei Nas e dei Noe dei Carabinieri. Nel 2017 i controlli in Sardegna sono stati 18, mentre per il 2020 i controlli documentali programmati sono 51 e relativi a 30 aziende.

Tags
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: