EconomiaEvidenza

Confidi Sardegna, Achille Carlini confermato presidente

Rinnovate le cariche. Utile di esercizio positivo, aumentano i soci e si aprono nuove sfide

Achille Carlini

Cagliari. L’assemblea dei soci di Confidi Sardegna ha approvato il bilancio d’esercizio 2021 e rinnovato le cariche sociali. Il presidente uscente, il sassarese Achille Carlini, è stato riconfermato dal neo eletto Consiglio di Amministrazione nella sua carica per un ulteriore triennio, dopo i due precedenti mandati svolti a partire dal 2016. Accanto a lui, confermato anche il vicepresidente Alessandro Balduzzi, in un cda composto da nove membri in rappresentanza di molteplici settori produttivi e dei differenti territori regionali di appartenenza: oltre Carlini e Balduzzi, ci saranno Umberto Nulli, Libero Muntoni, Giuseppe Ruggiu, Paolo Fadda, Valentino Monni, Maurizio Spiga e Renato Vargiu.

L’assemblea dei soci, estremamente partecipata, ha poi provveduto alla nomina del Collegio sindacale: confermati il presidente Gianluca Zicca e i sindaci effettivi Gabriela Savigni e Paolo Meloni.

«Ringrazio i soci per l’apprezzamento dimostrato durante l’assemblea e per aver rinnovato la fiducia nei nostri confronti – ha dichiarato il presidente di Confidi Sardegna, Achille Carlini –. Farò di tutto per confermare il mio impegno in vista delle importanti sfide che ci attendono in un mondo in evoluzione, rispetto al quale il Confidi Sardegna è sempre attento a individuare le nuove opportunità che il mercato può offrire. Intendiamo portare avanti i progetti che abbiamo già intrapreso con l’obiettivo di consolidare il mandato che Confidi Sardegna ha ricevuto dai propri soci per l’assistenza al credito richiesto dal sistema imprenditore regionale».

Compito sempre più importante alla luce della complessa realtà economica che caratterizza questo momento storico in Italia e nell’Isola. “Una sfida che affrontiamo anche grazie al supporto di una struttura tecnica estremamente qualificata” sottolinea Carlini.

UTILE DI ESERCIZIO. Il bilancio 2021, si chiude con un utile di esercizio di 309 mila euro, risultato particolarmente rilevante in virtù proprio del momento difficile che l’economia della Sardegna sta vivendo. «Un risultato a nostro giudizio apprezzabile, anche in virtù della disintermediazione che il sistema bancario sta operando – a livello locale e nazionale – sulla garanzia privata, a favore di quella pubblica», spiega Carlini. Confidi ha quindi puntato anche su prodotti alternativi rispetto al suo core business tradizionale: dal credito diretto ai minibond, dalle cambiali finanziarie alle garanzie commerciali. Prodotti finalizzati ad aumentare volumi e margini dell’attività di Confidi e a offrire una gamma più ampia di servizi alle imprese.

«Viviamo una fase non semplice, ma da cui può scaturire una mutata situazione economica e sociale di rilancio – spiega Alessandro Tronci, Direttore generale di Confidi Sardegna –. Il Confidi Sardegna in questo contesto dovrà saper cogliere le nuove opportunità di sviluppo aziendale grazie ad una proattiva, efficiente ed efficace gestione del portafoglio clienti che sappia anche massimizzare l’utilizzo di tutti gli strumenti di mitigazione del rischio posti al servizio dei propri soci».

Un lavoro particolarmente incisivo, come dimostrato dal costante aumento del numero di soci, ad oggi 2.800 circa. Un trend che si è consolidato negli ultimi 10 anni, con una crescita di 1200 unità. Una crescita costante, appunto, pur davanti a condizioni di mercato poco favorevoli. «Qui ha giocato un ruolo importante l’erogazione diretta del credito, uno dei nostri servizi di punta, che rappresenta un’attività complementare a quella del sistema bancario, svolta nei confronti delle piccole imprese che trovano più difficoltà ad accedere al credito tramite i canali tradizionali», conclude Achille Carlini.

Tags
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: