Candelieri 2016Evidenza

Con la Processione dell’Assunta si è conclusa la Faradda

Il corteo con la Vergine Dormiente ha attraversato il centro storico. L’arcivescovo padre Paolo Atzei: «Grazie a tutta la comunità, ai gremianti e ai portatori»

 

ProcessioneAssuntaSassari. La sera di Ferragosto è tradizionalmente dedicata alla Processione con la Vergine Dormiente. Un corteo che si muove dal Duomo di Sassari, attraversa il centro storico e rientra a San Nicola. Momento di religiosità pura, che vede la partecipazione del capitolo della diocesi con l’arcivescovo e dei Gremi cittadini al completo.

La Madonna Assunta, avvolta per l’occasione in ricche vesti ricamate d’oro e d’argento, portata a turno dai gremianti, con gli obrieri di candeliere intorno al simulacro e i capicandeliere al termine della processione è rimasta in sosta sul sagrato del Duomo, dove padre Paolo Atzei ha rinnovato l’appello alla devozione nei confronti di Maria. «La Faradda è un evento che rimanda alla fede. Un grazie a tutta la comunità di Sassari, ai gremianti e ai portatori, che sono gli strumenti rituali di questa Discesa e lo fanno con grande rispetto e responsabilità. Sono la parte migliore della nostra comunità. È un patrimonio che viene diffuso in tutto il mondo», ha detto padre Paolo.

Con la processione di Ferragosto dedicata all’Assunta si sono chiusi gli eventi religiosi legati alla Faradda. L’ultimo momento, a suggello della Festa di Sassari, sarà l’“Ottava”, che si celebra nel giorno dedicato a Santa Maria Regina, il 22 agosto. In quel giorno dalla chiesa di Santa Maria di Betlem i candelieri, in parte “svestiti”, vengono riportati nelle cappelle dove sono custoditi per tutto l’anno, la maggior parte nella stessa chiesa, altri a San Pietro di Silki, a Sant’Agostino e al Duomo.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: