CronacaEvidenza

Chiusura gallerie del Mascari: Confindustria CNS, Assopetroli, Confapi e Fita Cna chiedono un incontro al prefetto di Sassari

Il provvedimento dell’Anas incide pesantemente sulla percorrenza delle merci e porta criticità sulla sicurezza nella viabilità, nonché ulteriori oneri e disagi per le imprese

Da martedì 21 luglio l’Anas ha inibito il transito dei veicoli che trasportano merci pericolose (tra queste benzina, gasolio, olio combustibile, bitume, gas e gas ad uso medicale, bombole, ma anche prodotti chimici e rifiuti), nelle gallerie del Mascari sulla SS131 “Carlo Felice”. I mezzi sono così costretti a percorrere un tragitto alternativo all’interno della città di Sassari, con ingresso-uscita viale Italia e ingresso-uscita Scala di Giocca-Ossi. Un provvedimento che incide pesantemente sulla percorrenza delle merci da e per il polo industriale di Porto Torres e che porta criticità alla sicurezza della viabilità, nonché ulteriori oneri e disagi per le imprese, già provate negli ultimi mesi per l’emergenza covid.

Le associazioni di categoria Confindustria Centro Nord Sardegna, Assopetroli, Confapi Sardegna e Fita Cna Sardegna hanno chiesto al prefetto di Sassari Maria Luisa D’Alessandro un incontro urgente, per evidenziare le problematiche dell’introduzione del divieto di transito nelle gallerie per i lavoratori, le imprese e anche per la cittadinanza. «La preoccupazione principale infatti è che il trasferimento di una mole di traffico così concentrata su Scala di Giocca e sulle arterie urbane, con centinaia di mezzi che ogni giorno trasportano prodotti industriali, porti conseguenze alla sicurezza dei cittadini e delle nostre aziende, oltre a problemi di inquinamento», spiega Achille Carlini, consigliere di Confindustria Centro Nord Sardegna, che mercoledì mattina ha convocato un tavolo informale a Villa Mimosa, sede di Confindustria CNS, con i rappresentanti delle associazioni di categoria.

I cartelli stradali con il divieto di ingresso in galleria

Un altro problema riguarda i maggiori oneri che le aziende dovrebbero sopportare con la nuova viabilità. Con la viabilità ordinaria il tempo di percorrenza nel tratto con le due gallerie era di 5 minuti, mentre adesso diventerebbe di circa 45 minuti per ciascuna tratta, assolutamente incompatibile con i limiti imposti dal codice della strada per le ore di guida degli autisti dei mezzi. Per le aziende del settore che trattano merci pericolose il trasporto diventerebbe così non più economicamente sostenibile. Con possibili conseguenti ricadute per la clientela sui prezzi finali dei prodotti.

Il tema della chiusura delle gallerie del Mascari ai mezzi che trasportano merci pericolose era emerso già la scorsa settimana. Venerdì il presidente di Confindustria Centro Nord Sardegna Giuseppe Ruggiu aveva infatti scritto al capo compartimento dell’Anas Sardegna Francesco Ruocco, chiedendo chiarimenti e dettagli. In assenza di una risposta le quattro associazioni di categoria si sono adesso rivolte al prefetto.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: