EvidenzaSport

Casalone guida il Banco alla vittoria sul parquet di Brindisi

Al Palapentassuglia finisce 97-90 per i biancoblù. Il Poz segue da casa e si complimenta coi suoi via twitter. Il punto di Aldo Gallizzi

Quelle che hanno preceduto la gara di Brindisi, non sono certamente state ore semplici in casa Dinamo. Non poteva essere altrimenti del resto. La sospensione per dieci giorni del Poz, che ha il sapore di un prossimo addio, ha senza dubbio toccato la squadra e in particolare i fedelissimi o quantomeno i giocatori che per ragioni differenti sono più legati e riconoscenti al coach triestino. Vedi Bilan e Spissu. Il primo ha dedicato la vittoria al PalaPentassuglia al suo amico coach via twitter, con la frase “this one is for you my friend”, accompagnata da una foto di tutta la squadra negli spogliatoi nella tipica posa Pozzecchiana a mostrare i bicipiti. Il secondo ne ha invece risentito sul campo, offrendo una prestazione decisamente al di sotto dei suoi standard. Il Poz a sua volta ha affidato ad un tweet l’orgoglio per i suoi giocatori per la vittoria centrata.

Detto questo, il Banco ha vinto e in panchina c’era Edo Casalone, che ha fatto in pieno il suo dovere, non facendo rimpiangere neanche questa volta coach Poz. Il contraccolpo psicologico negativo i biancoblù lo hanno subito in avvio, alla voce approccio. Ad un pessimo primo quarto difensivo, coadiuvato anche dalla partenza sprint dei padroni di casa, ha fatto seguito una seconda parte di gara decisamente più adeguata al livello del match, dal punto di vista dell’atteggiamento e della solidità. Difesa, contropiede e vantaggio in doppia cifra. Per contro la Happy Casa ha accusato un progressivo caso fisico che ha tolto lucidità a Harrison e compagni e i sassaresi hanno allungato per poi gestire e chiudere con sette punti di margine sul 97-90. Un risultato che non consentirà di sperare nel raggiungimento in extremis del terzo posto, ma che offre molte chanches di chiudere al quarto e di giocare così l’eventuale bella in casa nel primo turno dei play off con Venezia. I migliori ieri, Kruslin, Burnell e Katic.

Aldo Gallizzi

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: