EvidenzaSassari

Carpinelli: «La presenza di Mattarella ci riempie di orgoglio»

Lunedì prossimo il presidente della Repubblica parteciperà alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Sassari

Sassari. «È il mio ultimo anno di mandato e sono molto orgoglioso che sia arricchito della presenza del Presidente della Repubblica. Sarà una grande occasione per la città, che ha consuetudine con questo tipo di eventi: qui sono nati due presidenti della Repubblica e ha un grande passato storico, politico e culturale. La presenza del presidente Sergio Mattarella è un fatto di straordinaria importanza che conferma l’interesse per i temi della cultura e della formazione, valori fondanti dell’università insieme a quelli civici dello Stato. Parteciperà anche il ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, che è tra l’altro un amico e con il quale nel Crui ho lavorato sino all’altro ieri. Conosce in maniera attenta il mondo universitario e trovare uno più competente di lui è davvero difficile». Mercoledì mattina, nella Sala Milella del palazzo storico, il rettore dell’Università di Sassari Massimo Carpinelli ha presentato così alla stampa la cerimonia di apertura del 458esimo anno accademico che si terrà lunedì prossimo nell’Aula Magna alla presenza del Capo dello Stato. L’evento sarà arricchito dalla prolusione affidata a Carlotta Sami, portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR). Il suo intervento è intitolato “Rifugiati, la sfida dell’accesso all’istruzione superiore. Una grande opportunità per le università italiane”. «La lectio magistralis negli anni è stata tenuta sempre da personaggi di grande valore scientifico e culturale. Quella per la portavoce Sami è una scelta non casuale. Il mio rettorato ha fatto dell’inclusività e della capacità di accoglienza una delle principali note di mandato. Il tema dei rifugiati inoltre, affrontato da chi lavora nel campo, può essere un’occasione per analizzarlo senza pregiudizi ideologici. L’università è grande soltanto quando è aperta, accogliendo tutti senza limitazioni di razze e credo politico e religioso», ha ricordato il rettore.

Università di Sassari, 458° anno accademico con Mattarella

Al termine della conferenza stampa Carpinelli, affiancato dal prorettore vicario Luca Deidda e dal direttore generale Cristiano Nicoletti, ha ricordato che nei prossimi mesi verrà eletto il suo successore. «La legge Gelmini non prevede la rielezione di un rettore. Ha introdotto il vincolo di sei anni non rinnovabili, un mandato secco», ha ricordato. «Sono stati sei anni molto faticosi. Ho condiviso tante soddisfazioni con i miei collaboratori e sono orgoglioso dei risultati». Si sarebbe ricandidato? «Se ci fosse stata la possibilità di un secondo mandato avrei riproposto la mia candidatura, lo ammetto».

Ma una conferenza stampa di presentazione della cerimonia di apertura dell’anno accademico è anche l’occasione per ricordare alcuni numeri. Sono oltre 13700 gli iscritti all’Università di Sassari. Le matricole in questi ultimi anni sono cresciute del 30 per cento, più di 4mila, tra i primi atenei in Italia.

Al minuto 4,10 l’intervista di Antonio Meloni per Libertà Settimanale al rettore Massimo Carpinelli. Immagini di Marcello Mura

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: