CronacaEvidenza

Carceri sarde, mancano spazi per la salute mentale delle detenute

In Consiglio regionale la capogruppo del M5s Desirè Manca è la prima firmataria di una mozione

Cagliari. «Gli organi di stampa, appena qualche giorno fa, ci hanno raccontato la storia di una donna, detenuta nel carcere di Cagliari-Uta, che aveva bisogno di specifiche cure psichiatriche. Non potendole ricevere nella struttura vicina al capoluogo, però, questa è stata trasferita in Sicilia, nella Casa circondariale Barcellona Pozzo di Gotto, per poter essere tenuta in osservazione circa un mese. Questa è la storia di una delle tante detenute sarde che non possono ricevere cure adeguate poiché negli istituti penitenziari sardi mancano ambienti appositamente dedicati, organizzati e attrezzati per la cura delle patologie mentali. Una carenza grave alla quale deve essere posto rimedio al più presto».

Perché le detenute con sofferenze psichiche non vengano private del diritto di ricevere le cure di cui hanno bisogno, la capogruppo del M5S Desirè Manca (come prima firmataria) e l’intero Gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle, hanno presentato una mozione che impegna il presidente Solinas e la Giunta a programmare e riorganizzare l’Articolazione per la Tutela della Salute Mentale nella Casa circondariale di Cagliari-Uta e in quelle di tutta l’Isola. La richiesta è di un provvedimento regionale che assicuri la presenza di spazi adeguati a ospitare le detenute con vizio totale o parziale di mente, bisognose di essere sottoposte ad accertamenti. 

Questa grave carenza della sanità penitenziaria sarda era stata inoltre già evidenziata – come ricorda l’atto dei Cinquestelle – a novembre 2017 dal Garante nazionale dei diritti delle persone detenute, dopo la sua visita nei penitenziari dell’Isola: il Garante aveva segnalato l’inesistenza in tutta l’Isola di una Sezione Sanitaria specializzata di Assistenza Intensiva (SAI) riservata alle donne, poiché l’unica presente, nel carcere di Uta, contava soltanto venti posti per gli uomini. 

Il Gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle guarda però a tutto il territorio regionale, e chiede al governatore Solinas di valutare la programmazione e la realizzazione di ulteriori articolazioni per la tutela della salute mentale in tutti gli istituti penitenziari della Sardegna.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: