EvidenzaPolitica

Campus: «Sassari Civica non fa parte della maggioranza»

«Alcuni consiglieri eletti in una lista collegata alla mia candidatura sono usciti dal progetto», ribadisce il sindaco

La Giunta comunale di Sassari, con il sindaco Campus e il presidente del Consiglio Murru

Sassari. Venerdì scorso, in occasione della presentazione del bilancio di metà mandato delle attività portate avanti dalla sua Giunta, il sindaco Nanni Campus ha chiarito ancora una volta quali sono i rapporti con il gruppo consiliare di Sassari Civica, nel 2019 una delle liste che facevano parte della coalizione che sosteneva la sua candidatura alla guida della città. «Durante questi due anni e mezzo la maggioranza uscita dalle urne è cambiata – ha detto Campus –. Alcuni consiglieri eletti in una lista collegata alla mia candidatura sono usciti dal progetto e sono stati messi fuori dalla maggioranza. Allontanati non solo da me, come sindaco, ma dall’assemblea di tutti gli altri consiglieri eletti con me, per assoluta incompatibilità dei loro comportamenti ed atteggiamenti politici con il resto della iniziale maggioranza. Ci tengo a precisare, perché resti a futura memoria, che la favola metropolitana per cui la lista più votata, nel cui contesto sono nati i maggiori problemi, a parte giudiziose e lodevoli eccezioni, sia stata da me penalizzata, è assolutamente falsa e i numeri sono assolutamente chiarissimi per chi li vuole o ii sa leggere. È vero che la lista Sassari Civica ha preso 4419 voti pari a circa 8% dei voti totali, ma è altrettanto vero che sommando i voti delle preferenze date ai candidati della lista si ottengono solo 2349 voti (doppie preferenze di genere incluse) che portano la lista all’ultimo posto tra quelle che componevano il “Progetto civico”. Mentre ben 2070 voti sono andati alla lista, anzi alla scritta “Sassari CIVICA”. Ricordo che la lista oltre che essere la prima in alto nella porzione di scheda a noi assegnata, subito sotto il mio nome, era anche l’unica ad aver un esplicito riferimento CIVICO. Se consideriamo che in quelle elezioni amministrative la Lega, il partito nazionale allora più in crescita, ha avuto 1500 voti solo sulla lista, come voto di opinione, il PD 1000 voti solo alla lista, Fratelli d’Italia, altro partito fortemente identitario, solo 210 voti di lista, come si può immaginare di conteggiare come “di opinione” e quindi di scelta politica oltre 2000 voti espressi solo su di un simbolo totalmente sconosciuto prima in quanto nato per quella elezione. Lo confermano i dati di tutte le altre liste sia civiche che non, a parte i casi citati di partiti nazionali e ampiamente conosciuti, che infatti non hanno ottenuto alcun voto solo sulla lista. Solo in malafede si può sostenere che quei voti siano realmente appannaggio della lista mentre sono di tutta evidenza espressi a favore del candidato sindaco e di tutto il progetto. Ed è quindi al progetto che appartengono e non ai singoli candidati, che devono contare correttamente solo le loro personali preferenze».

Il sindaco Nanni Campus

«Ma la governabilità della città non ha risentito dell’allontanamento, deciso da tutta la maggioranza, di quei consiglieri che hanno scelto di differenziarsi dal progetto comune, perché con grande senso di responsabilità e senza alcuna richiesta in cambio, se non quella del mantenimento degli impegni che ci hanno accomunato durante la campagna elettorale, sono entrati a far parte della maggioranza gli eletti nella lista del Movimento 5 stelle. Alla luce del sole, senza rinnegare niente né cambiare casacca – precisa Campus –. E il fatto che da qualche giorno la consigliera Laura Useri sia diventata assessore della Giunta comunale è solo un riconoscimento per il suo lavoro e le doti mostrate durante tutto il mandato. La sua nomina è stata infatti del tutto non programmata ed è legata alle scelte personali della professoressa Antonella Lugliè, che purtroppo ha dovuto lasciare l’incarico e che, nell’abbracciarla affettuosamente, insieme a tutte le sue sorelle ed alle loro famiglie per la gravissima perdita, ancora ringrazio per il prezioso e difficile lavoro svolto nel settore che più di ogni altro ha creato problematiche e preoccupazioni».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: