EconomiaEvidenza

Blue River e Alimenta donano 38500 mascherine a sei caseifici sardi

Le aziende beneficiarie fanno parte della filiera produttiva nel centro nord dell’Isola. Il carico è arrivato ieri (mercoledì) dalla Cina

Cagliari. È arrivato ieri (mercoledì) dalla Cina un altro aiuto alla Sardegna per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Questa volta a riceverlo sono sei caseifici sardi della filiera produttiva di Alimenta Srl, situati nel centro-nord dell’Isola, che avrebbero rischiato di rimanere a corto di dispositivi di protezione per i lavoratori a causa della difficoltà di reperimento nel mercato nazionale.

LA DONAZIONE. Si tratta di una donazione di 38.500 mascherine chirurgiche che la Blue River, gruppo cinese specializzato nella produzione e commercializzazione di latte per l’infanzia, principalmente costituito da ingredienti di origine ovina, e socio di maggioranza dell’Alimenta Srl di Macomer, ha deciso di devolvere per permettere alle aziende sarde di proseguire la loro attività.

ALLARME DAI CASEIFICI. A lanciare l’allarme, nelle scorse settimane, erano stati proprio i caseifici del centro-nord Sardegna che avevano lamentato la mancanza dei dispositivi di protezione e la difficoltà a reperirli per poter lavorare in sicurezza e portare avanti il lavoro nei loro stabilimenti. A rispondere all’appello è stata la Blue River a poche settimane dall’altro aiuto, la donazione di quattro tonnellate di mascherine, guanti e protezioni (per un valore di oltre 320 mila euro) che erano state regalate alla Protezione civile sarda grazie anche al sostegno delle istituzioni cinesi del distretto di Wangcheng e della provincia di Hunan. I dispositivi sono stati già consegnati alle aziende casearie e permetteranno di proseguire la loro attività nel rispetto delle norme imposte dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Tags
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: