EvidenzaSassari

Bilancio positivo per il Week end del tocco

Oltre 200 realtà cittadine tra attività commerciali, pubblici esercizi, hotel e b&b in collaborazione con l’Università di Sassari. Uniti per far rinascere il centro

Sassari. Bilancio nettamente positivo per il “Week end del tocco”, evento promosso dal “Centro Riunito”, nuovo comitato appena sorto che, con l’obiettivo di far rinascere il centro storico, vede raccolte per la prima volta in un organismo unico e propositivo: associazioni di strada, comitati di commercianti, residenti, associazioni culturali, hotel b&b, società di servizi e istituzioni del territorio. «Una così ampia adesione è già di per sé un obiettivo raggiunto – dice Francesca Ripamonti, coordinatrice del Comitato Centro Riunito –. Un altro grande traguardo è il coinvolgimento di una delle eccellenze del territorio, l’Università. La strada che il comitato vorrebbe poter percorrere è infatti quella della collaborazione con le “istituzioni”. Il “Week end del Tocco” oltre la finalità commerciale aveva anche l’obiettivo di mettere le basi per una strategia condivisa in cui enti locali compresi, possano concorrere a “voltare pagina”. Come più volte constatato centri urbani molto più piccoli e con minor risorse della città di Sassari riescono paradossalmente a conseguire traguardi e risultati molto superiori a quelli che da troppo tempo il nostro Comune non è più stato in grado di concretizzare».

Da diversi anni i CCN (centri commerciali naturali) e le associazioni di strada di Sassari hanno messo in atto iniziative culturali e artistiche di successo che hanno catalizzato l’attenzione del pubblico cittadino mostrando che i sassaresi amano ancora frequentare il centro. Questa è la prima volta che gli sforzi di singoli commercianti e associazioni diventano però progetto omogeneo e coordinato con l’idea di trasformare il centro di Sassari in un unico spazio di aggregazione. La grande ed inedita adesione dei commercianti e l’ottimo riscontro di pubblico confermano la necessità di creare una struttura capace di coordinare iniziative sotto la supervisione di un’unica regia. L’esperimento de “week end del tocco anche con gli immancabili inconvenienti dovuti soprattutto alla “velocità” con cui si è dovuto concertare il tutto, ha contribuito a mettere a nudo criticità che possono essere tranquillamente risolte affidandosi alla volontà della ricerca di sinergie e partenariati pubblico/privato.

«In alcune vie si sono organizzati eventi collaterali – conclude Ripamonti – ed esposizioni di prodotti legati all’enogastronomia che hanno fatto da cornice all’evento organizzato dall’Università che si è dimostrata entusiasta dell’iniziativa e disponibile a future collaborazioni. Ci auguriamo pertanto che questo primo esperimento possa fornire il giusto trampolino per una programmazione calendarizzata durante tutto l’arco dell’anno che consenta, ad esempio, di offrire un “Natale a Sassari” degno di questo nome».

Tags
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: