EvidenzaLettere

Avi Avital trascina il pubblico sassarese

Il grande virtuoso del mandolino è stato accompagnato dall’Orchestra di Venezia. Venerdì 5 aprile concerto dei giovani talenti sardi

Avi Avital

Sassari. Avi Avital è un nome di spicco della musica classica e delle tradizioni folkloriche europee e mediorientali. Israeliano con studi a Padova, incide per la Deutsche Grammophon, l’etichetta forse più prestigiosa nel panorama musicale. Eccezionale virtuoso del mandolino, che riesce a trasformare in uno strumento dalle mille potenzialità, Avi Avital era a Sassari lo scorso 29 aprile per la stagione “I grandi interpreti della musica” organizzata da Teatro e/o Musica.

Ad aprire la serata è stato il concerto per quattro violini in si bemolle maggiore RV 553 di Antonio Vivaldi, eseguito dai solisti De Stasio, Ligresti, Zanocco e Baldan e dall’Orchestra di Venezia, rinforzata da alcuni elementi del Conservatorio sassarese tra cui Guglielmo De Stasio. Avi Avital non si è fatto attendere. Ha trascinato il pubblico in una entusiasmante esecuzione del concerto in re maggiore RV93 ancora di Antonio Vivaldi. E poi il concerto per violino e orchestra BWV 1041 di Johann Sebastian Bach nella trascrizione per mandolino, registrata da Avital proprio per la Deutsche Grammophon nel 2012. La prima parte del concerto si è conclusa con il famoso concerto in do maggiore RV425 sempre per mandolino e orchestra di Antonio Vivaldi.

AviAvital1La seconda parte della serata ha compreso alcuni brani della tradizione popolare, ripresi da grandi autori del Novecento. Dopo la Sinfonia per archi n.10 di Felix Mendelssohn Bartholdy, eseguita dalla compagine orchestrale, Avi Avital ha interpretato le sei miniature di Tsintsadze, autore georgiano, e le ritmiche sette danze rumene di Bela Bartok.

Spazio ai bis. Una trascinante danza bulgara, la Danza Ungherese n.1 di Brahms nella trascrizione per mandolino e orchestra e, infine, insieme all’orchestra di Venezia con il violino solista di Guglielmo De Stasio, il tema di John Williams tratto dal film “Schindler’s list”.

Venerdi 5 aprile il cartellone de “I grandi Interpreti” organizzato da Teatro e/o Musica propone la serata dedicata ai giovani concertisti dei conservatori della Sardegna. In rappresentanza del Conservatorio di Cagliari salirà sul palco Federico Battista Melis che eseguirà la Sonata n. 3 Op.58 di Chopin. A rappresentare i conservatorio Canepa sarà invece il Jazz Ensemble, formato da Marco Maltalenti (tromba) Saverio Zura (chitarra), Marco Bande (pianoforte), Yanara Reyes (contrabbasso), Paoletto Sechi (batteria).

Tags
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: