EvidenzaSassari

Aspettando la Ciogghitta d’Oro

La gara ritornerà il 28 e il 29 luglio. Dal 10 luglio (e per un mese) 17 ristoranti sassaresi proporranno menù dedicati alle lumache. In distribuzione la GiogGuida

Sassari. Ritornerà a fine luglio (28-29) la gara “La Ciogghitta d’oro”. Ma in queste settimane di attesa dell’evento, tutti coloro che amano i piatti a base di lumache e lumachine potranno rivolgersi a 17 ristoranti nel proprio menù hanno inserito un piatto che utilizzi un gasteropode (una ciogga, un coccoi, una monzetta o una ciogghitta). «È un progetto parallelo che coinvolge diversi ristoranti della città, dal 10 luglio al 10 agosto. Le lumache che fanno parte della nostra storia trovano così un giusto collocamento nei menu dei ristoranti coinvolti nella modalità che loro preferiscono, dando spazio a ricerca e fantasia del cuoco o in base al target del locale. Troveremo così variazioni molto interessanti sul tema ma anche ricette tradizionali», ha spiegato nei giorni scorsi Danilo “Lillo” Carboni, presidente dell’Associazione Abbì, in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa che si è svolta nella sala conferenze della Camera di Commercio, dove è intervenuto Piero Careddu, chef dell’Enoteca Bistrot di via Asproni, insieme a Danilo Spano per l’ente camerale e a Laura Calvia (Associazione Abbì).

Ad aiutare nella scelta del locale è a dispozione una guida, la GiogGuida d’oro. «Abbiamo provveduto personalmente a tutte le fasi della realizzazione, dalla raccolta delle adesioni alla stampa e alla distribuzione nel territorio di migliaia di copie – ha detto ancora Lillo Carboni –. L’iniziativa verrà promossa tramite i canali più consueti (quotidiani, tv, social etc). Siamo certi che questo progetto porti una tangibile visibilità alle attività coinvolte oltre a fornire uno strumento utile a quella fetta di pubblico composta da sardi e da turisti, che nel periodo estivo visitano la nostra città e che amano assaggiare i piatti tipici del territorio. Siamo convinti e consapevoli che il cibo sia cultura. Tutti insieme e grazie a questa guida daremo il giusto rilievo all’enogastronomia locale, in particolare ai piatti della tradizione, arricchendo l’offerta turistica di uno strumento originale e utile».

Inquadrando il QR code sarà possibile consultare la guida in cinque lingue: inglese, francese, tedesco e spagnolo, oltre all’italiano.

https://ciogghittadoro.it/ciogguida/

I ristoranti coinvolti partecipano al progetto in maniera totalmente gratuita. Ognuno di loro provvederà a inviare un proprio rappresentante alla gara nelle serate del 28 e il 29 luglio. La Camera di Commercio è uno dei partner principali del progetto. La guida sarà disponibile nei ristoranti elencati sia nei punti di info turistiche. Per una scelta grafica che per motivi di distribuzione capillare e di risorse economiche si è optato per il pieghevole, che comprende, oltre all’elenco dei locali coinvolti, un testo storico sul consumo delle lumache a Sassari, che risale al periodo di nascita della città nel 1300.

Tags
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: