Cultura

Animalia, i ritratti di Ettore Aldo Del Vigo

In mostra dal 3 ottobre alla Ex Tappezzeria Dettori di Sassari le opere surrealiste ispirate ai grandi ritrattisti del passato, da Raffaello a Tiziano, da Rembrandt a Ingres

 

 

MostraAnimaliaSassari. I ritratti realizzati dai grandi pittori del passato, con i volti degli animali al posto di quelli umani. È la ricerca surrealista di Ettore Aldo Del Vigo, in mostra dal prossimo 3 ottobre per dieci giorni presso la Ex Tappezzeria Dettori artgallery in via Marras 7 a Sassari. “Animalia”, questo il titolo della mostra, permetterà di conoscere le opere di Del Vigo, 23 ritratti, da Raffaello a Tiziano, da Rembrandt a Ingres. Soprattuto cani e gatti, ma anche qualche coniglio e papero, una fauna colorata. «Volevo fare un percorso nell’arte del ritratto dal 1500 fino all’Ottocento. Ciascun volto si ricollega direttamente a quello originale, una ricerca psicologica vera e propria. Cosa ci trasmette un viso? Un animale, sono convinto, rispecchia il suo padrone», spiega Del Vigo.

La tecnica utilizzata dall’autore è particolare. «Faccio uso di un aerografo. Non è uno strumento innaturale per disegnare. Anzi, è tutto l’opposto, risale, ovviamente in forma molto semplificata, alle prime opere pittoriche della preistoria. L’aerografo moderno nasce invece come strumento per il fotoritocco, destinato ai cartelloni pubblicitari. Poi qualcuno capì che si poteva utilizzare per fare arte. Lo uso ormai da trenta anni», dice Ettore Aldo Del Vigo. «I miei soggetti nascono naturalmente. È una forma di pittura “automatica”, spontanea, che va costantemente alla ricerca di se stessi». Arte onirica, come la concepì il suo fondatore, André Bretòn, verso uno stato conoscitivo “oltre” la realtà.

Ettore Aldo Del Vigo è nato a Basilea in Svizzera. Dopo aver conseguito il diploma di di grafica editoriale in una tipografia specializzata in libri e cataloghi d’arte dove ha modo tra gli altri di conoscere Max Ernst, uno dei padri del surrealismo, si trasferisce in Sardegna. Qui entra in contatto con vari artisti locali e partecipa a numerosi concorsi e collettive d’arte. Nel 1979 allestisce con successo la sua prima personale, a cui fanno seguito altre esposizioni. Nel 2000 esegue una serie di dipinti per la chiesa di San Paolo a Sassari, tra cui la Pala d’Altare. Nel 2004 l’Ambasciata Italiana a Londra gli commissiona una serie di opere da installare nella sala da ricevimento. «Ho sempre disegnato, soprattutto quando ero bambino. I miei genitori stavano fuori casa per lavoro e rimanevo così solo. Comunicavo tramite i miei disegni, con i quali “parlavo”», ricorda Del Vigo. Basilea è una città d’arte, ricca di musei. Lì viveva Hans Ruedi Giger, l’autore della creatura di Alien, grande pittore e scultore surrealista, che ha influenzato Del Vigo.

La mostra “Animalia” sarà inaugurata sabato prossimo alle 18.

Tags
Vedi anche
Close
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: