CronacaSassari

Alta formazione artistica, al via il tavolo ministeriale

Antonio Bisaccia, direttore Accademia Sironi: «Le istituzioni Afam rappresentano da sempre un grande patrimonio materiale e immateriale del Paese»

L’Accademia di Belle Arti “Mario Sironi” di Sassari

Roma. È arrivata la prima riunione che dà seguito al decreto da parte del ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi. Giovedì è stato il momento per il primo incontro del tavolo permanente dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM). Accademie e Conservatori del Paese potranno così contribuire ancor più fattivamente allo sviluppo del riconosciuto nation branding italiano, anche in considerazione del bando da 700 milioni sui Progetti di Ricerca di Rilevante Interesse Nazionale (PRIN) appena varato.

Presenti al tavolo i rappresentanti Afam, in buona misura espressione della formazione artistica isolana: il presidente della Conferenza Nazionale dei Direttori delle Accademie di Belle Arti Antonio Bisaccia, la presidente Isia Giovanna Cassese, il presidente della Conferenza Nazionale dei Direttori dei Conservatori Antonio Ligios,  il presidente della Conferenza dei Presidenti delle Accademie Giuseppe C. Soriero e il presidente della Conferenza dei Presidenti dei Conservatori Raffaello Vignali.

«Abbiamo fatto un passo importante con la prima riunione. Il Ministero ha deciso di conoscere meglio, analizzare e soprattutto trovare le giuste risposte che siano indirizzate alla formazione artistica, musicale e coreutica – dice il direttore dell’Accademia di Belle Arti “Sironi” di Sassari, Antonio Bisaccia – al punto che il tavolo potrà in questo senso formulare proposte al ministro con l’obiettivo di migliorare l’efficienza e la qualità del settore. Si tratta, in sintesi, di un passaggio di assoluta importanza per una nuova visione dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica».

Tutti i presidenti delle Conferenze delle Accademie di Belle Arti, dei Conservatori di Musica e degli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche hanno espresso apprezzamento per il lavoro del Ministero e hanno sottolineato come «le istituzioni Afam rappresentino da sempre un grande patrimonio materiale e immateriale del Paese e contribuiscano in maniera originale agli esiti che hanno reso e rendono unica l’Italia in ambito internazionale».

Al tavolo, per agevolare il raggiungimento degli obiettivi, potranno contribuire esperti o essere approfonditi temi specifici che saranno in seguito analizzati dal ministero. Del resto l’esigenza è una sola approfondire le tematiche più rilevanti del sistema Afam e definire le soluzioni più opportune a beneficio di tutto il sistema.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: