AttualitàEvidenzaSassari

All’ex Acquedotto l’Ecomuseo del mare e dell’acqua

È il progetto di AveLa, associazione Vela Latina tradizionale. Una Biblioteca Blu, in un centro territoriale di attività culturali, didattiche e divulgative

Ecomuseomare3Sassari. Creare un centro territoriale di attività culturali, didattiche, divulgative sulla storia e la cultura del mare e dell’acqua, che ospiti anche una “Biblioteca Blu”, dedicata al mare e alle acque interne. Sono gli obiettivi di AveLa, associazione Vela Latina tradizionale, che questa mattina ha presentato il progetto dell’Ecomuseo del mare e dell’acqua nei locali dell’ex Acquedotto in viale Adua.

Ecomuseomare1All’incontro erano presenti il sindaco di Sassari Nicola Sanna, l’assessore alle Politiche abitative, Lavori Pubblici, Decoro e arredo urbano e Patrimonio comunale Ottavio Sanna, l’assessora alle Politiche educative, infanzia, giovani e sport Alba Canu, Piero Ajello, presidente dell’Associazione AveLa, Vela Latina Tradizionale, e l’ammiraglio Oreste Molino.

La Palazzina Liberty, di proprietà del Comune di Sassari e oggetto di importanti lavori di ristrutturazione e riqualificazione dal 2002 al 2016 per un investimento totale di 2 milioni di euro, ospiterà, nel piano inferiore dell’edificio, un nuovo spazio museale e didattico, volto a tramandare la storia, le tradizioni e le valenze, materiali e immateriali, dei litorali della Sardegna e del Mediterraneo.

Ecomuseomare2Parte integrante dell’Ecomuseo sarà una dotazione di materiale audiovisivo, una sezione filatelica e numismatica e una cospicua raccolta di modelli e mezzimodelli di scafi storico-tradizionali. Saranno esposte, inoltre, fotografie, manifesti e cimeli del Circuito Vela Latina.

Lo spazio accoglierà un centro documentazione contenente circa 3 mila pubblicazioni a tema marittimo, in italiano e in altre lingue, con una sezione dedicata esclusivamente ai ragazzi. Tra le pubblicazioni anche l’intero catalogo dell’ufficio storico della Marina Militare, donato all’Ecomuseo.

Il progetto, sostenuto dalla Fondazione di Sardegna, punta anche a sviluppare i temi della Blu Economy, dell’inquinamento da plastica nel mare e nei fiumi, programmare eventi e produrre audiovisivi destinati a divulgare la cultura del mare.

Le attività didattiche e divulgative dell’Ecomuseo saranno rivolte a tutte le scuole del territorio e vedranno coinvolte anche persone con disabilità.

La struttura dell’Acquedotto ottocentesco ospiterà, inoltre, un “Centro studi dell’archeologia industriale del mare” e una Scuola di vela per ragazze e ragazzi.

Tags
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: