EvidenzaPorto Torres

All’Antiquarium Turritano è Festa della Musica

Venerdì a Porto Torres la musica come ponte tra il contemporaneo e il passato, come strumento per riscoprire l’archeologia e le altre forme d’arte

BandscuolacivicaPorto Torres. Un viaggio musicale tra i resti dell’antica città romana di Turris Libisonis. Un tripudio di note e performance invaderanno l’area archeologica del Museo Antiquarium Turritano nel giorno del solstizio d’estate. Domani, venerdì 21 giugno, è “La Festa della Musica 2019” che si immerge tra i resti di edifici monumentali, colonne e statue che faranno da cornice alla manifestazione musicale organizzata dall’Associazione Musicando Insieme, dalla Scuola Civica di Musica “De Andrè”, in collaborazione con il Polo Museale e l’Assessorato alla Cultura e Spettacolo di Porto Torres. Il tema “Musica fuori centro” è lo slogan della musica come ponte tra il contemporaneo e il passato, come strumento per riscoprire l’archeologia e le altre forme d’arte che acquisiscono nuova centralità e vivono nell’eterno presente del tempo verticale.

Dalle 18 alle 21 tanti i concerti che invaderanno la serata di musicisti di ogni genere nell’area archeologica del Museo Antiquarium Turritano, con apertura serale straordinaria. Si comincia con l’esibizione della band formata dagli allievi della Scuola Civica di Musica di Porto Torres, a cantare saranno: Francesca Pianu, Stefania Mameli, Alice Corrias, Claudia Ostuni e Annalinda Maricca, voci accompagnate dai chitarristi, Andrea Falchi e Gabriele Madeddu coordinati dai docenti Pina Muroni e Alessandro Canu. Ci sarà la partecipazione del bassista Franco Battino che con la sua band “Sotto Zero” chiuderà la prima parte del concerto. I componenti del gruppo sono: Antonio Bazzoni alla batteria; Costantin Prisaka alla chitarra ritmica; Elio Lavra cantante; Enzo Angeletti chitarra solista; Franco Battino al basso elettrico e Gianni Sini alle tastiere.

A seguire, sarà il Trio MSC, composto da musicisti professionisti e docenti della Scuola, con Pina Muroni, voce, Simone Sassu, pianoforte e Alessandro Canu, batteria, ad eseguire un repertorio misto che spazia dal pop, al cantautorato, per poi finire col jazz. La serata si concluderà con una performance del coro Movin’on Up Gospel Choir, diretto dalla cantante Pina Muroni, che offrirà al pubblico un canto corale del genere sacro intriso di forte spiritualità, la gioia dello stare insieme e del creare, come il mondo del Gospel sa donare nella comunicazione più intima e personale a chi ascolta come a chi canta. La manifestazione promossa dal Ministero per i Beni e le attività culturali è a ingresso gratuito.

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: