AttualitàCulturaEvidenza

Al Comunale ritorna la musica lirica, ecco “Il tabarro” pucciniano

Primo atto del Trittico, nella convincente versione di Maranghi e Gavazzeni, apprezzata dal pubblico, ridotto per le disposizioni anticovid

Sassari. La grande musica a Sassari non si ferma e, a differenza di altre realtà anche internazionali (una su tutte: il Metropolitan di New York ha addirittura cancellato tutto il calendario 2020-21), l’Ente Concerti Marialisa De Carolis ha programmato una stagione lirica che, seppure in forma diversa dal consueto, è una stagione vera. Pubblico ridotto (le limitazioni governative non consentono di superare il limite dei 200 spettatori), rispetto rigoroso delle disposizioni anti covid, ma la musica è la musica. Ed ecco allora che venerdì sera è stato “Il tabarro” di Giacomo Puccini aprire il cartellone 2020, dopo l’anteprima in piazza d’Italia del 5 settembre con il baritono sassarese Alberto Gazale. La novità di quest’anno è la scelta di puntare su titoli che garantiscono una durata intorno all’ora. Così “Il tabarro”, primo dei tre atti del “Trittico” che completeranno la Stagione lirica 2020: “Suor Angelica” e “Gianni Schicchi” sono gli altri titoli di quest’anno, insieme a una riduzione della Carmen di Georges Bizet. Altra novità è una terza rappresentazione per ciascuna opera, anziché le tradizionali due. Tre serate di fila insomma (la domenica l’orario di inizio è anticipato alle 17, nelle altre due è alle 20,45)

Musica dicevamo. E musica, con un’idea melodica che richiama il dolore della morte, è stata quella in apertura dei “Crisantemi” di Puccini, elegia per quartetto d’archi, composta nel 1890 per la scomparsa improvvisa di un caro amico del compositore toscano. Un brano che a Sassari è così diventato un omaggio alle vittime dell’epidemia, come ha ricordato davanti al sipario ancora chiuso il direttore artistico dell’Ente Concerti Stefano Garau.

TabarroPuccini2
Luis Chapa e Susanna Branchini

E le note dei “Crisantemi” sono presenti nel “Tabarro”, storia a tinte forti, forse la più cupa musicata da Puccini, un tradimento lavato con il sangue dell’amante della giovane moglie, una trama che riecheggia soggetti del periodo verista – uno su tutti: “Pagliacci” di Leoncavallo, ma anche “Cavalleria Rusticana” di Mascagni non è da meno – e che verista non è. Nel bell’allestimento curato da Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi, proposto a Sassari in prima assoluta e a cura della Fondazione Arena di Verona, è rispettata l’ambientazione (un barcone sulla Senna) del libretto scritto da Giuseppe Adami e tratto da “La houppelande” di Didier Gold. Cambia il periodo, che nella prima al Metropolitan Opera House di New York nel 1918 era il 1910. I costumi di Silvia Bonetti, le scene di Leila Fteita, le proiezioni video di Francesco Fei e le luci di Tony Grandi hanno contribuito al risultato che nel complesso ha davvero convinto. Bene anche le voci, che nel Tabarro sono un po’ sacrificate: manca infatti, volutamente, una melodia facile, che possa fare immediata presa. E ritornano le note dei “Crisantemi”, in particolare nella seconda e lugubre porzione, che accompagna lo spettatore al finale che sa di orrore. È allora l’orchestrazione a sottolineare il dramma, anticipando sonorità che saranno tipiche di colonne sonore cinematografiche. Applausi allora per Elia Fabbian (Michele), Susanna Branchini (Giorgetta) e Luis Chapa (Luigi), protagonisti del triangolo sentimentale che si conclude tragicamente, e per Martina Serra (La Frugola), Gianluca Sorrentino (Il Tinca) e Francesco Musinu (Il Talpa), insieme ai comprimari Claudio Deledda, Claudia Spiga e Paolo Masala. Il cast comprendeva anche il gruppo vocale dell’Ente concerti.

Un plauso a parte merita l’Orchestra dell’Ente concerti, ben diretta dal giovane siciliano Marco Alibrando e che ha coraggiosamente eseguito una partitura complessa con un organico ridotto.

L’opera “Il tabarro” è stata trasmessa in streaming, per chi non ha potuto seguirla direttamente a teatro. La registrazione video sarà proposta prossimamente dal canale Classica HD (canale 136 del bouquet di Sky).

Lu.Fo.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: