EvidenzaHinterland

“A tutta voce”, il bilancio del progetto del Coro Polifonico Turritano rivolto ai bimbi

Il laboratorio ha coinvolto ventisette bambini che hanno potuto socializzare attraverso la musica

Porto Torres. Il linguaggio della musica per educare, aiutare i bimbi a comunicare e a scoprire l’equilibrio tra il proprio “sentire” e il mondo. È stato questo il filo conduttore del progetto “A tutta voce”, realizzato dall’Associazione Coro Polifonico Turritano con il patrocinio del Comune di Porto Torres. Il laboratorio gratuito si è concluso a fine dicembre ed è riuscito a coinvolgere ben ventisette bambini, suddivisi in due fasce d’età, con diversi appuntamenti svolti prima in presenza e successivamente online, sempre in rispetto delle misure di prevenzione del Covid.

Il laboratorio si è svolto nei locali della Casa delle Associazioni: un primo gruppo di piccoli di età compresa fra i sei e i sette anni si è riunito nella sala prove del Coro Polifonico Turritano, mentre il gruppo di età compresa fra otto e undici anni ha svolto gli incontri nella sala riunioni, con la guida di uno staff composto da un direttore e tre tutor. «Ogni gruppo – sottolinea la direttrice del coro, Laura Lambroni – ha lavorato su diversi aspetti legati alle potenzialità della voce, alla sua espressività capace di far scoprire ai giovani l’equilibrio tra il proprio sentire e il mondo che ci circonda. Abbiamo suddiviso i gruppi in modo da svolgere tutte le attività in sicurezza, rimodulando il laboratorio e gestendo gli incontri di fine dicembre esclusivamente online. I bambini sono stati molto partecipi, hanno affrontato il laboratorio con entusiasmo ed estrema serietà. È la dimostrazione di come la musica sia una forma d’arte impegnativa, ma aggregante e, soprattutto, essenziale strumento di formazione utile sin dalla tenera età».

I bambini hanno potuto assimilare elementi di percezione ritmica attraverso i principi del body percussion, hanno svolto esercizi di ascolto musicale grazie all’ear training che si fonda anche sull’accompagnamento strumentale dal vivo. Ma non solo: i bimbi si sono dedicati all’ascolto reciproco attraverso la lettura, la comprensione e l’interpretazione del testo poetico musicato, gli accordi, la ricerca dell’intonazione e dell’unitarietà del suono nel contesto corale. Tra le attività, inoltre, la riproduzione vocale di brani corali per voci bianche tratti dalla letteratura musicale italiana del XX e XXI secolo e l’elaborazione grafica degli elementi musicali.

«Ringraziamo la presidente della Consulta del Volontariato, Adonella Mellino, per averci concesso l’utilizzo di una delle sale in cui si è svolto il laboratorio. È importante che un’associazione come la nostra – sottolinea la presidente del Coro Polifonico Turritano, Maria Maddalena Simile – radicata in città da più di sessant’anni, sia in grado di creare anche questo tipo di iniziative per far crescere l’interesse delle famiglie, e soprattutto dei giovani, verso la musica. Il nostro coro ha una squadra di persone pronte a mettersi a disposizione, che credono nei tanti progetti che ci vedono protagonisti e che ha al suo interno diverse professionalità in grado di dare un grande contributo per la formazione delle nuove generazioni».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: