EvidenzaHinterland

A Stintino in festa per la Beata Vergine della Difesa

Secondo anno con restrizioni imposte dalla pandemia. Messa celebrata sul sagrato della parrocchiale e la processione a mare con un ristretto gruppo di imbarcazioni

Stintino. La comunità stintinese ha salutato la sua patrona e le ha reso omaggio mercoledì 8 settembre, in occasione dei festeggiamenti per la Beata Vergine della Difesa. I fedeli si sono ritrovati sul sagrato della chiesa parrocchiale e in parte sulla piazza Cala d’Oliva, dove anche quest’anno, nel rispetto del distanziamento sociale, il parroco don Daniele Contieri ha celebrato la messa. È stato proprio il parroco durante l’omelia a ricordare come quest’anno appena passato, caratterizzato in maniera drammatica dalla pandemia, abbia segnato la vita di tutti: «La Beata Vergine che è stata una vera e propria difesa deve trovare terreno fertile nei fedeli che devono disporsi per accoglierla».

Molto suggestivo l’accompagnamento della celebrazione eucaristica, grazie ai suoni delle launeddas dell’Orchestra popolare sarda che, assieme al gruppo folk Santa Maria de Bubalis di Siligo, ha accompagnato anche la processione. Quest’ultima, per evitare assembramenti e per un tragitto ridotto rispetto al passato, ha visto la partecipazione del sacerdote, dei concelebranti quindi della confraternita della Beata Vergine della Difesa, con in testa il priore Nicola Schiaffino che dal 2019 porta la bandiera maggiore, e un piccolo gruppo di autorità. Il pubblico ha potuto assistere restando composto e ai lati del corteo religioso.

La processione a mare, poi, partita dal Porto Mannu ha visto la partecipazione di un ristretto numero di imbarcazioni che hanno salutato la Vergine con il suono delle sirene. A lanciare la corona di fiori dalla barca comitato, per onorare i caduti in mare, sono stati il sindaco di Stintino Antonio Diana e il primo cittadino di Porto Torres Massimiliano Mulas. Le restrizioni per il Covid anche quest’anno non hanno consentito di organizzare la distribuzione dei biscotti ai turisti davanti alla casa della Confraternita né dei fuochi d’artificio, appuntamento fisso e atteso da tutti.

Alle 21, però, il pubblico si è ritrovato in Piazza dei 45 per ascoltare i concerti di Orlando Mascia e dell’orchestra popolare sarda, del Beppe Dettori Trio e di Silvia Mezzanotte, Carlo Marrale e Riccardo Cherubini che hanno suonato e raccontato ”La nostra storia nei Matia Bazar”.

I festeggiamenti proseguiranno sabato 11 settembre, alle 21, con il concerto dei Double Dose e della Band Folk Pop. Domenica 12 settembre, alle 14,30, si svolgerà l’elezione del nuovo priore nella casa della Confraternita, in via Sassari. Nella chiesa parrocchiale, alle 18, verrà ufficializzato il passaggio della bandiera al nuovo priore che concluderà i festeggiamenti per la patrona.

Il programma dei festeggiamenti è stato patrocinato dal Comune di Stintino, realizzato dal priore e dalla Confraternita con la partecipazione della Pro loco stintinese e il contributo di Salude & trigu, il progetto per gli eventi nel Nord Sardegna della Camera di commercio di Sassari.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: