EvidenzaSportVideo

A Sella&Mosca il Dinamo Sponsor & Partner Meeting

Incontro di fine stagione con sponsor e partner del progetto. Il primo titolo continentale e la seconda finale scudetto raggiunta con 22 vittorie consecutive

Sassari. Mercoledì sera nelle Tenute Sella & Mosca si è svolto il tradizionale incontro di fine stagione assieme agli sponsor e ai partner del progetto Dinamo.

«Nello sport la cosa più bella è vincere ma non è la cosa più importante». A dirlo è stato Gianmarco Pozzecco al termine della gara6 di finale scudetto contro Venezia. Ancora non sapevamo come si sarebbe conclusa questa lunghissima stagione 2018-19 ma la vittoria della Dinamo Banco di Sardegna in quest’annata è andata ben oltre il risultato sul campo. Una stagione che ha prodotto risultati storici come il primo titolo continentale e la seconda finale scudetto della storia raggiunta grazie alla striscia di 22 vittorie consecutive. Una stagione che rimarrà impressa per l’incredibile trasporto che i ragazzi del Poz son riusciti a trasmettere a tutto il movimento cestistico italiano.

Il meeting dedicato agli sponsor e partner è stato aperto dal video emozionale di DinamoTV che ha ripercorso i momenti più significativi, dall’esordio di Pozzecco in panchina alle Final Eight di Firenze, passando per la vittoria della Fiba Europe Cup, fino ad arrivare alla memorabile cavalcata playoff, giocate d’autore come la tripla di Dyshawn Pierre al Mediolanum Forum, la schiacciata di McGee in gara6 contro Venezia, un’isola in campo assieme ai giganti, i frame di una stagione indimenticabile.

È stata Anna Cadeddu, padrona di casa delle Tenute Sella & Mosca, a dare il benvenuto alla platea: «Grazie alla Dinamo per le emozioni che ci ha fatto vivere durante questa stagione. È il settimo anno che sosteniamo questa squadra fantastica, non possiamo che ringraziarli per darci una splendida vetrina, vera eccellenza della nostra Isola. Porto i saluti della proprietà e del signor Vittorio Moretti, Sella & Mosca ci crede, rinnoveremo il nostro contratto con la Dinamo, siamo sicuri che rivivremo insieme altre nuove emozioni».

Identità territoriale e sinergia con gli oltre cento sponsor e partner che sostengono il progetto. «I numeri di quest’anno – ha detto il presidente Stefano Sardara – sono importanti, raccontano ciò per cui lavoriamo ogni giorno. La frase di coach Pozzecco è emblematica, la nostra filosofia chiaramente è vincere ma se tu punti tutto sul solo risultato sportivo non ha tanto senso. Per la prima volta abbiamo vinto un trofeo continentale, l’internazionalizzazione del brand è per noi importante e in questo la vittoria della Fiba Europe Cup è stata fondamentale. La svolta della stagione l’abbiamo però avuta in un periodo di crisi, arrivati alle Final Eight di Firenze con un nuovo coach abbiamo costruito i successi dei quattro mesi successivi. Solitamente si tende, sbagliando, a sottovalutare i singoli momenti dell’annata, in un momento di difficoltà come quello di febbraio scorso siamo rimasti uniti dopo il cambio di panchina e abbiamo deciso di cambiare rotta».

Risultati stagionali eccellenti sulle emittenti tv nazionali e al PalaSerradimigni la new era di Dinamo TV, i canali social e il sito web ufficiale, una crescita impressionante se rapportata ai numeri prodotti nell’annata del triplete.

È stato Giuseppe Cuccurese, direttore generale del main sponsor Banco di Sardegna, a intervenire per raccontare l’esperienza della partnership quasi trentennale con Dinamo, rinnovata di recente fino al 2022: «Voglio sottolineare prima di tutto che la nostra è una condivisione di valori, che vanno ben oltre la sponsorizzazione. Parlo di valori sociali come la crescita dei giovani, i progetti con le scuole e la solidarietà a 360 gradi. Una partnership che è entrata a far parte del tessuto economico e sociale dell’Isola, un fattore aggregante per la Sardegna, la Dinamo è di Sassari ma rappresenta lo sport sardo e lo possiamo vedere ogni volta che andiamo in trasferta, siamo ambasciatori di questa terra. Ciò che facciamo con le scuole è un’attività complementare che si aggiunge ai progetti che già svolgiamo con gli istituti cittadini e dell’hinterland, durante le ultime partite della coppa europea abbiamo portato al palazzetto oltre quattromila studenti. Abbiamo deciso di investire su DinamoTV per dare visibilità al nostro brand, non solo in Italia ma anche all’estero. Tutte iniziative che fanno rete e creano condivisione, la nostra è una sponsorizzazione misurabile, la Dinamo è diventata per tutti un bacino misurabile di business. Concludo dicendo che chi è sponsor principale ovviamente attiva leve diverse ma penso che tutti gli sponsor, se assistiti da un team dedicato, possono trasformare un investimento in un impegno a lungo termine».

Non solo il campionato italiano, la Dinamo è ormai un team consolidato anche in Europa. «Il progetto Dinamo – ha proseguito Sardara – ha convinto la Basketball Champions League, abbiamo un contratto con la competizione di tre anni più due ulteriori, credono in noi e nel nostro futuro, solo Bamberg e Hapoel Gerusalemme hanno avuto lo stesso trattamento».

Un occhio anche alla società satellite e al progetto dedicato alla crescita dei giovani: «Dopo due anni abbiamo mutato il percorso della Cagliari Dinamo Academy, ora andiamo a Torino, in una grande città che ha attrattività per i grandi sport e per gli sponsor. La Reale Mutua, sponsor biancoblù da anni, ha sposato con entusiasmo il nostro progetto così come le istituzioni, l’obiettivo nel medio lungo termine è che il club vada con le proprie gambe per poterci concentrare nuovamente solo su Sassari».

A rappresentare la parte comunicazione l’intervento di Antonio Di Rosa, direttore del quotidiano La Nuova Sardegna: «Io a differenza degli altri non ho cifre da darvi ma devo raccontare l’emozione. Questa è una squadra particolare, da quando sono arrivato a Sassari mi sono innamorato della Dinamo. Lo sport è comunicazione, è sentimento, è emozione. Tutte cose trasmesse da questa società, Pozzecco ha portato un di più in questa squadra, ha portato entusiasmo e capito che la psicologia è più importante della questione tecnica. È stata una cavalcata incredibile e le vittorie con Milano hanno dimostrato che i soldi non fanno la felicità, con una grande organizzazione si può essere piccoli ma grandi allo stesso tempo. La Sardegna in primo piano e in prima pagina, tutti hanno parlato della Dinamo in termini entusiastici, questa squadra è riuscita a dare un messaggio positivo a tutti i sardi, è la dimostrazione che basta impegnarsi e volerlo, alla fine i risultati si ottengono. Nessuno avrebbe mai immaginato oltre cinquemila persone in piazza d’Italia per un risultato non ottenuto. Quindi non posso che dire bravi tutti!».

In conclusione, spazio al basket in carrozzina con la Dinamo Lab, il settore giovanile della Dinamo Academy, il Basket To Business, gli incontri B2B dedicati agli sponsor, i risultati straordinari del merchandising con i Dinamo Store e l’e-commerce, fino alla rinata e fiorente Club House, e al Medical Dinamo Lab, uno staff medico all’avanguardia che cura tutte le esigenze della squadra.

L’obiettivo è continuare ad avere una crescita continua ed esponenziale del club, sempre più sostenibile, senza perdere di vista i valori sociali e l’attenzione verso il territorio. Guidati anche per i prossimi anni sul campo da un condottiero speciale Gianmarco Pozzecco: «Sapete benissimo qual è la mia visione del mondo dello sport italiano. C’è una cultura sportiva che io non adoro, siam tutti focalizzati e condizionati dal risultato, talmente accecati dal voler vincere che ci dimentichiamo che esiste tutto il resto che vi è stato raccontato durante questo incontro. Voglio raccontarvi questo, ho sempre avuto un sogno: rispetto al giocatore che ho avuto la fortuna di diventare sono maturato tardi. Fino ai vent’anni sono stato un dilettante ma solo dal punto di vista ludico, non sono mai stato condizionato dalla visione professionistica. Sono legato al sentimento che lo sport regala, fino ai vent’anni l’ho fatto gratuitamente, per il gusto del divertimento. Giocare sempre nello stesso modo senza cambiare mentalità è stata la mia grande fortuna, da giocatore ti è concesso farlo perché tu sei l’unico responsabile di te stesso. Ecco, io ho sempre sognato un contesto dove tutti fossero uguali a me, dove ci fosse un sentimento continuo, reale e condiviso, ma nel mondo del professionismo è difficile trovarne uno che accetti tutto questo. Oggi vengo riconosciuto per il mio atteggiamento, non sento di dover avere tutta questa gratitudine, l’unico merito che posso aver avuto è di aver dato il la a tutto questo. Se siamo riusciti a vivere una favola è perché anche voi siete così, ed è per questo che vi ringrazio».

La copertina di DinamoTV:

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: