EconomiaEvidenza

2020 annus horribilis per l’economia del nord Sardegna

La Camera di Commercio presenta il focus dell’ufficio studi. Un calo di iscrizioni delle nuove imprese pari al 18 per cento. Tutti i numeri negativi. L’intervista al presidente Visconti

Sassari. Gli effetti del Covid sono un’evidenza anche di natura economica che ha colpito filiere e comparti. Lo ha rilevato la Camera di Commercio di Sassari che ha stilato un Focus sul nord Sardegna dedicato a questo difficile momento, nel quale ha analizzato numerosi indicatori capaci di rilevare quanto la pandemia abbia inciso sul nostro tessuto economico territoriale. Trasporti, presenze turistiche, dinamica delle imprese, analisi settoriale, l’indagine effettuata dall’ufficio studi dell’Ente camerale ha preso in considerazione una serie di dati fortemente connessi tra loro e che nell’annus horribilis che va a chiudersi ha determinato tra gennaio e ottobre un calo di iscrizioni delle nuove imprese pari al 18 per cento, un altro segno negativo sul fronte delle esportazioni per il 22% e su quello dell’occupazione scesa al -28. Senza contare, dato tra i più sconfortanti il -55% di arrivi e partenze tra gennaio e settembre, un crollo le cui ripercussioni sono evidenti sul settore turistico. «Un minor afflusso di persone, a cascata, ha avuto pesanti conseguenze per tutta l’economia isolana. Il settore turistico traina l’intero sistema e i numeri sono stati impietosi. Pensiamo solo che un turista, in media, spende, 120 al giorno quando viene in Sardegna. Le ripercussioni sono state pesanti anche per le assunzioni stagionali, i trasporti e per tutta la filiera turistica», commenta il presidente della Camera di Commercio Stefano Visconti.

Nella dinamica delle imprese, al momento, il nord Sardegna, rappresenta il 32% del totale di quelle regionali, tuttavia risalta un dato relativo al 2020: tra gennaio e settembre, globalmente, nell’Isola si è registrato un saldo attivo di 712 imprese ed il 64% di queste è localizzato nel nostro territorio. A livello regionale, la Sardegna ha fatto registrare un tasso di crescita (+0,42%) pari al doppio del sistema Italia (+0,21%). Il confronto, invece, tra i periodi relativi a gennaio-ottobre del 2019 e di quest’anno mostrano un calo globale pari al 18% (dato rispetto alle iscrizioni), che attraversa due fasi. La prima, quella che si riferisce all’arco temporale da marzo a maggio ha subìto una flessione del 45% e la seconda, in risalita da luglio a settembre, che mostra evidenti segnali di ripresa, attestandosi su un +14%.

Focus Nord Sardegna 2020 in pdf

Segno meno anche per import ed export. Le prime perdono oltre 37 milioni di euro (-19,5%) per un volume totale realizzato pari a 155 milioni di euro. Le seconde perdono più in percentuale (-22,2%) ma meno in termini monetari (-19,3 milioni di euro). Tra tutti i mercati di sbocco, saldi percentuali fortemente negativi su Spagna e Francia.

Arrivi e partenze, fortemente condizionati dagli effetti pandemici hanno fatto registrare una flessione complessiva di 6,7 milioni (-55%) rispetto al periodo gennaio-settembre dello scorso anno. Agli aeroporti sono mancati ben 4,6 milioni di persone (-62%) ed ai porti 2,1 milioni (-44%).

Sotto il profilo delle assunzioni il picco più basso lo si è toccato ad aprile, poi una crescita, seppur non spedita ma costante, fino a luglio. Globalmente il saldo è negativo e pari a -28,1%, con oltre 71mila posti in meno rispetto allo scorso anno. Tra i comparti, hanno subìto la crisi in modo particolare i territori a vocazione turistica, mentre sono riuscite a “tenere” le aree agricole.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: