Vindice Lecis cittadino onorario di Ollolai

Il giornalista e scrittore sassarese ha dato «risalto dato ad Alalè-Ollolai e al suo illustre condottiero Ospitone nel romanzo storico “Hospiton”»

VindiceLecis

Vindice Lecis

Sassari. Nei giorni scorsi il Consiglio comunale di Ollolai, su proposta della Giunta e del sindaco Efisio Arbau, ha conferito la cittadinanza onoraria al giornalista e scrittore Vindice Lecis. «Profonda e sentita attenzione per la storia sarda – si legge nella motivazione – in particolare per il risalto dato ad Alalè-Ollolai e al suo illustre condottiero Ospitone nel romanzo storico “Hospiton”»

Il romanzo, edito da Condaghes, racconta le vicende mediterranee e sarde della fine del VI secolo. Quando la lunga guerra tra i bizantini e i barbaricini giunge al termine, il capo di questi ultimi, Ospitone (Hospiton), raggiunge un accordo di pace con il dux Zabarda, accettando di convertirsi al cristianesimo e riconoscendo il potere dell’imperatore Maurizio Tiberio. L’intesa è salutata dal papa Gregorio Magno con una lettera che, nel maggio del 594, scrive al capo dei barbaricini esprimendogli gioia e soddisfazione per la conversione e chiedendogli di aiutare l’evangelizzazione del popolo barbaricino, fino a quel momento tra i più pagani dell’Occidente.