Sassari è “Città che legge”

Un riconoscimento che arriva dal Centro per il libro del Ministero per i Beni culturali e mette in luce l’attività svolta attraverso il sistema bibliotecario comunale

LibriSassari è una “Città che legge”. La qualifica è arrivata nei giorni scorsi da parte del Centro per il libro e la lettura, istituto del ministero per i Beni e le attività culturali, d’intesa con l’Anci. Si tratta di un riconoscimento che viene dato alle amministrazioni comunali che svolgono, e si impegnano a svolgere con continuità, politiche di promozione della lettura sul proprio territorio.

Il Comune di Sassari è infatti risultato essere tra quelli che, a livello nazionale, hanno dimostrato di possedere tutti i requisiti richiesti dal bando, pubblicato lo scorso dicembre. L’obiettivo del bando era quello di individuare centri che garantiscono ai propri abitanti l’accesso ai libri e alla lettura – attraverso biblioteche e librerie – ospitano festival, rassegne o fiere che mobilitano i lettori e incuriosiscono i non lettori, promuovono iniziative congiunte di promozione della lettura tra biblioteche, scuole, librerie e associazioni e aderiscono a uno o più dei progetti nazionali del Centro per il libro istituto dal Ministero.

«Il Comune di Sassari – afferma l’assessore alla Cultura Raffaella Sau – attraverso le tre biblioteche del suo Sistema bibliotecario urbano, ha così dimostrato di garantire ai cittadini l’accesso libero e gratuito ai libri, all’informazione, alla cultura e alla conoscenza. Una dimostrazione di capacità organizzative e di partecipazione a iniziative di promozione della lettura come festival, rassegne, incontri con gli autori. Il tutto organizzato per sostenere la crescita socio-culturale, oltre che riconoscere la diffusione della lettura come valore condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva», chiude l’assessore.

I 391 comuni rientranti nell’elenco delle “Città che leggono”, selezionati fra 527 partecipanti, oltre a essere inseriti nelle varie iniziative nazionali organizzate dal Centro per il libro e la lettura, avranno anche la possibilità di partecipare ai bandi promossi dallo stesso centro per promuovere i più meritevoli.

Il Centro del libro è stato istituito dal Ministero dei Beni culturali e delle Attività culturali e del Turismo con l’obiettivo di attuare politiche di diffusione del libro e della lettura in Italia, nonché di promuovere il libro e la cultura italiana all’estero.