La Dinamo batte Trento 78-67

I biancoblù hanno condotto il match sin dai primi minuti. La Dolomiti Energia tenta un recupero nella terza frazione. Ma la distanza è incolmabile

DinamoTrento2Sassari. Una Dinamo bella e combattiva batte la Dolomiti Energia Aquila Trento al PalaSerradimigni. Tanta voglia di riscattarsi dal match di martedì scorso contro Avellino. Stavolta i biancoblù conquistano i due punti in palio, fondamentali in ottica qualificazione alla Final Eight in agenda a metà febbraio a Firenze, e danno spettacolo per tutta la partita. Gli uomini di coach Federico Pasquini partono forte fin dalla prima frazione, condotti da un super Bamforth, a referto con 23 punti con 6/7 da tre, 3 rimbalzi, 6 falli subiti e 5 assist, un solido Dyshawn Pierre (13 pt, 6 rb) e Achille Polonara in grande spolvero, efficace su entrambi i lati del campo e autore di una doppia doppia da 11 punti e 11 rimbalzi. La Dolomiti Energia lotta per i primi 20’ e chiude il primo tempo 34-24. Nella terza frazione i giganti dilagano, grazie alle ottime percentuali al tiro: i biancoblù resistono alla controffensiva trentina e conquistano i due punti in palio, fermando la striscia di 9 vittorie di Trento. Adesso Bamforth e compagni mettono nel mirino la terza e ultima partita in casa in agenda mercoledì 10 gennaio alle 20,30 contro l’Ucam Murcia per il Game 10 di Basketball Champions League.

DinamoTrento1Il coach della Dinamo Banco di Sardegna Federico Pasquini commenta così la gara: «Abbiamo fatto un’ottima partita, con grandissima qualità a livello difensivo. Abbiamo difeso di energia come possiamo e dobbiamo fare quando giochiamo in casa. A livello offensivo abbiamo usato al meglio l’intelligenza nell’attaccare i loro cambi e siamo stati svegli ad andare a cercare il lungo dentro l’area, che era la chiave per far saltare in aria i loro cambi. Sapevamo che sarebbe stata una partita estremamente dura contro una squadra che anche stasera ha dimostrato il suo valore ma sono davvero contento perché dopo due partite perse ai supplementari i ragazzi hanno lavorato tanto e bene e siamo arrivati preparati e con grande voglia di far bene a questa sera. Sono molto soddisfatto, anche di come ci siamo mossi al secondo tempo quando loro si sono avvicinati e noi non ci siamo mai disuniti e abbiamo sempre mantenuto lucidità e controllo fino alla fine. Dobbiamo andare avanti sul nostro percorso, stasera ragioniamo un attimo sulla classifica e da domani guardiamo alla Basketball Champions League».

Il coach della Dolomiti Energia Trentino Maurizio Buscaglia: «Per noi non è stata una grande partita, siamo partiti un po’ scarsi di energia, un po’ scadenti nelle cose che fanno andare la partita a tuo favore. Abbiamo fatto tanti errori e tanta fatica. Brava Sassari a non farci recuperare, noi non abbiamo mai voluto veramente farlo, non abbiamo mai cambiato l’inerzia a livello di rimbalzi, di assist, di palle perse, a livello di visione della palla, di ordine nell’attacco. Una serataccia per noi, ora dobbiamo essere bravi a reagire sul terreno della sconfitta con personalità e mentalità».

Il capitano della Dinamo Jack Devecchi: «Una vittoria bella, importante e di carattere. Una gara ad alta tensione che siamo stati bravi a trasformare in energia positiva, anche quando Trento ha messo le mani addosso siamo riusciti a non perdere mai il controllo. Una vittoria di squadra, dove ognuno ha dato il proprio contributo e siamo davvero tutti molto soddisfatti. Adesso pensiamo a Pesaro per chiudere al meglio il girone di andata. Abbiamo vinto con Brescia e Milano, con Avellino e Venezia abbiamo perso al supplementare e questo vuol dire che ci siamo e che possiamo. Da domani si riprende subito a testa bassa per affrontare Murcia».

 

Dinamo Banco di Sardegna 78 – Aquila Basket Trento 67
Parziali: 19-11; 15-13; 21-22; 23-21
Progressivi: 19-11; 34-24; 55-46; 78-67

Banco di Sardegna. Spissu 2, Casula, Bamforth 23, Planinic 12, Devecchi, Randolph 2, Pierre 13, Jones 3, Hatcher 12, Polonara 11, Picarelli, Tavernari. All. Federico Pasquini

Aquila Basket. Franke 5, Sutton 15, Silins 2, Forray, Conti, Flaccadori 8, Gutierrez 10, Czumbel, Gomes 4, Hogue 9, Lechtaler 2, Shields 12. All. Maurizio Buscaglia