(To) Be in Jazz, tutto esaurito per il tributo a Gerry Mulligan

Al Teatro Civico di Sassari il primo concerto della rassegna “I concerti aperitivo”. La XVII edizione prosegue domenica 10 dicembre con il “Tribute to Django” del pianista Pino Jodice

MulliganSassari. Tutto esaurito e pubblico entusiasta per il primo concerto della rassegna “(To) Be in jazz: I concerti aperitivo” che conferma con la sua diciassettesima edizione il successo delle precedenti. Tra gli appuntamenti più attesi del Natale sassarese la rassegna ha proposto al pubblico un programma di grande fascino dedicato al Gerry Mulligan, uno dei più grandi sax baritono della storia del jazz. Il progetto “The Gerry Mulligan Songbook” del compositore, chitarrista, arrangiatore e direttore romano, Roberto Spadoni ha regalato una ricca selezione di brani tra i più celebri di Mulligan, tra cui: “Walking Shoes”, “Carioca”, “Bernie’s tune” e “Swinghouse”, interpretati dalI’Ensemble dell’Orchestra Jazz della Sardegna. La formazione sassarese in forma smagliante è stata diretta con brio dallo stesso Spadoni con un risultato timbrico e dinamico di grande leggerezza e fluidità. Le atmosfere da big band anni ’30-’40 sono state rievocate nell’arrangiamento di Spadoni grazie anche ad un organico ripensato per l’occasione. Una buona dose di swing e una particolare cura del fraseggio, delle articolazioni e dell’uso della strumentazione sono stati gli elementi vincenti di un progetto che ha raccolto un’autentica ovazione del pubblico. Applausi scroscianti per l’ensemble e il suo eclettico direttore che ha accompagnato il concerto illustrando al pubblico le vicende legate ai brani e alla vita di Mulligan. Ottima la prova dei solisti Massimo Carboni (sax tenore) e Giovanni Sanna Passino (tromba).

Al termine del concerto mattutino è stato offerto al pubblico il consueto aperitivo a cura del Museo del Vino di Berchidda. La degustazione è stata accompagnata dalla presentazione dei prodotti del caseificio Fogu di Oschiri, del panificio/pasticceria Madrigosas di Olmedo e dei produttori legati a Campagna Amica di Coldiretti, mentre i vini offerti in degustazione sono stati quelli della Tenuta Muscazega di Luras.

Prossimi appuntamenti. Domenica 10 sarà la volta di “Tribute to Django” (ore 11-19,30) omaggio del pianista, compositore ed arrangiatore Pino Jodice allo straordinario chitarrista Django Reinhardt, incredibile strumentista dalla tecnica forzatamente rivoluzionaria e compositore dalla ricchissima vena. Questo progetto risolve la diatriba che riguarda l’inserimento di Reinhardt tra i musicisti jazz, cioè se le sue composizioni rientrino nel novero di questa musica. Jodice sostiene che facciano parte di diritto della tradizione europea del jazz, con influenze tzigane, classiche e della tradizione mitteleuropea.

Domenica 17 dicembre (ore 11-19,30) la manifestazione si conclude con l’“Omaggio a Duke Ellington” che propone la rielaborazione per orchestra jazz dello “Schiaccianoci” di P.I. Ciaikovskij e del “Peer Gynt” di Edvard Grieg ad opera dello storico duo Duke Ellington – Billy Strayhorn. In programma anche altri arrangiamenti scritti per l’organico dell’Orchestra Jazz della Sardegna dal sassofonista, compositore ed arrangiatore napoletano Mario Raja anche in veste di direttore. Ellington e Strayhorn si dedicarono nel 1960 alle versioni jazzistiche dello “Schiaccianoci” e del “Peer Gynt”, composizioni allora popolarissime negli Stati Uniti. Le versioni di Ellington sono molto più che semplici trasposizioni in chiave jazzistica. La “Nutcracker” e la “Peer Gynt” suite diventano nelle mani dei due geniali compositori americani due opere a sé stanti, con una poetica e una forza propria, ma con il fascino e l’atmosfera delle composizioni originali.

Domenica 24 dicembre un concerto fuori programma ma assolutamente imperdibile: l’Orchestra Jazz della Sardegna Laboratory sarà impegnata in “Natale Swing”, uno spettacolo che ripercorre la musica delle grandi orchestre della prima metà del secolo. Un modo diverso per trascorrere – in modo assolutamente swing – la mattina della vigilia.

Oltre alle consuete degustazioni in collaborazione con il Museo del Vino-Enoteca Regionale della Sardegna di Berchidda, in sinergia con la rete dei commercianti e con i ristoratori che operano nella zona pedonale e a traffico limitato del centro storico di Sassari, si terranno una mostra fotografica itinerante che coinvolgerà la Gioielleria Bartoletti, il fiorista Baingio-Interflora, New Green Abbigliamento, Giochiamo, Dama Service cartoleria, G. Diana Tessuti, Ottica Kyanops, Bar Corallo, Farmacia Manlio Pisano, Sardaviaggi, Dream Shoes calzature, Stile Sardo, Macelleria gastronomia Top Carni, ed un percorso a tema sulla Musica Jazz che coinvolgerà i ristoranti La Volpe e l’Uva, il Covo del Conte, la Vineria Tola e la trattoria L’Assassino che durante i primi tre fine settimana di dicembre proporranno “Menù Jazz” dedicati alla manifestazione.

La prevendita dei biglietti viene effettuata presso TicketOk, in via Tempio 65 a Sassari (info: 0792822015), e presso la Libreria Messaggerie Sarde in piazza Castello 11 a Sassari (info: 079230028). Il costo del biglietto per il singolo concerto è di € 10, mentre l’abbonamento ai tre concerti costa € 30 e dà diritto all’ingresso gratuito a “Natale in Swing”, il concerto di Natale dell’Orchestra Jazz della Sardegna Laboratory diretto da Gavino Mele, che omaggia l’era dello Swing e si terrà il giorno 24 dicembre alle 11 sempre a Palazzo di Città. Al termine del concerto degustazione e brindisi augurale con i vini bianchi e spumanti delle Tenute Sella & Mosca in abbinamento ai produttori già citati.