Il cavalier Marras

Questa sera (venerdì) alla libreria Messaggerie Sarde alle 18,30 la presentazione del nuovo romanzo di Nello Rubattu, giornalista e scrittore sassarese

IlCavalierMarrasSassari. Il cavalier Marras, lo sgangherato investigatore creato da Nello Rubattu e già protagonista del fortunato “Nuddadifà”, ritorna in libreria con “Il cavalier Marras” (Arkadia Editore). Il nuovo romanzo di Rubattu sarà presentato ai lettori venerdì 13 ottobre alla 18.30 a Sassari, alla libreria Messaggerie Sarde di piazza Castello 11. Dialogherà con l’autore Alessandro Marongiu, letture a cura di Paolo Pintore, Aldo Salis, Pierangelo Sanna e Carlo Valle.

Il cavalier Marras non è cavaliere e non è neanche un investigatore. La sua filosofia è la stessa da una vita: la pensava così quando per tutti era una promessa della box o quando indossava la divisa di servitore dello Stato o quando negli anni Ottanta faceva il pugno a pagamento per il giro dei locali in Costa. Ora ha raggiunto i sessanta, e con tutti i mali di una vita vissuta esagerando. Vive in una città non troppo grande ma neanche troppo piccola. Una città dove i potentati locali da sempre fanno il bello e il cattivo tempo, coltivando la vecchia arte di sentirsi intoccabili e creando a loro piacere camarille e circoli riservati solo a loro. Solo che poi, in questa città ai confini del mondo occidentale, qualcuno dei potenti comincia a lasciarci le penne, e al cavalier Marras viene chiesto di capire cosa stia succedendo.

Nello Rubattu è nato a Sassari, ma vive tra l’isola e Bologna, dove si è laureato e dove ha cominciato a lavorare come addetto stampa per aziende pubbliche e private. Condirettore per molti anni di una collana per Maggioli Editore, si è poi trasferito a Bruxelles, dove è divenuto responsabile della redazione della medesima casa editrice. Ha esordito nella narrativa con il romanzo “Hanno morto a Vinnèpaitutti” (Il Maestrale, 2006), seguito da “Gli anni sospetti” (Angelica Editore, 2008) scritto con Giuseppe Porcu, “Pierre” (Angelica Editore, 2011), “Baia delle canne” (Edizione Straordinaria, 2014). Nel 2015 ha pubblicato con Arkadia Editore il romanzo “Nuddadifà”, nel quale fa la sua comparsa il cavalier Marras. È presidente della Onlus “Su Disterru” con la quale ha dato vita al MEA (Museo e Centro di documentazione sulle Culture Migranti). Dal 2005 organizza “Parole e visioni intorno al viaggio”. Dal 2006 organizza nel paese di Asuni il festival cinematografico “Terre di confine Film Festival”.