Un crocifisso di Pulli per la chiesa di Bancali

Realizzato secondo le antiche tecniche della lavorazione della carta pesta è stato utilizzato per il Venerdì Santo

PulliCrocefisso1Sassari. È un crocifisso in carta pesta per la chiesa di San Gavino a Bancali, appositamente realizzato per lo scorso Venerdì Santo. Il maestro Elio Pulli ha realizzato nella sua bottega d’arte di Tramariglio uno splendido crocifisso da discendimento (Iscravamentu, in sardo), facendo ricorso alle antiche tecniche della lavorazione della carta pesta, tecnica appresa nella bottega del padre.

Un procedimento lungo e laborioso. Partendo dalla composizione della sagoma in paglia, legno e spago, il tutto modellato a fasi successive a fuoco e colla animale. Poi ancora con carta inamidata modellata a fuoco utilizzando vecchi strumenti in ferro arroventati. Gessato in più fasi con colla di coniglio e gesso di Bologna. PulliCrocefisso2Il Cristo è stato ultimato con la pittura del maestro Pulli che ha dato un realismo drammatico al simulacro. La croce che lo sostiene misura 5m x 2,50, con 75 cm interrati. L’opera senza la croce pesa oltre 50 kg.

 

[Si ringrazia Mario Ibba per la collaborazione]