Bilancio 2017, al via la sessione in Consiglio comunale

Ieri il sì della Commissione Finanze. Oggi e domani (venerdì) doppia seduta dell’Assemblea Civica

 

CommBilancio19aprileSassari. La Commissione Finanze del Consiglio comunale, presieduta da Salvatore Sanna (Pd), ha detto sì al bilancio di previsione per il 2017. Via libera da tutti i gruppi di maggioranza, mentre si sono astenuti Antonello Sassu di Sassari Progetto Comune e Enrico Sini di Sassari è. Per l’astensione tecnica anche il M5S, che però non era presente al momento del voto. Contrari Manuel Alivesi di Forza Italia e Giancarlo Carta di Fratelli d’Italia. La pratica sarà adesso presentata e discussa dall’Assemblea Civica nella seduta convocata per oggi (giovedì) alle 9, con i lavori che potrebbero proseguire nella giornata di venerdì.

Il bilancio 2017 è stato illustrato dall’assessore Simone Campus e prevede entrate per 186 milioni di euro di cui 25,5 milioni circa sono per investimenti dedicati alle strade e marciapiedi, impianti sportivi ed edilizia abitativa. 19 i settori-ambiti di spesa: tra questi spiccano i 17 milioni di euro per l’istruzione e il diritto alla studio, i 6 milioni circa per le attività e beni culturali, due milioni per le politiche giovanili e sport. Inoltre, 34 milioni per l’ambiente, 16 milioni per i trasporti e la mobilità e soprattutto 52 milioni per le politiche sociali e la famiglia. Infine, 3 milioni e mezzo per le attività di sviluppo economico e competitività e 6 milioni per l’ordine pubblico e la sicurezza.

«Il nostro è un comune più povero rispetto agli anni scorsi ma non indebitato. Stiamo presentando un bilancio sano, che ci permette di rispettare gli impegni che l’amministrazione ha preso, in particolare quelli per il sociale e le famiglie», ha ribadito l’assessore Campus.

Insieme al bilancio 2017 vengono presentati i bilanci previsionali per il 2018 e per il 2019, che non si discostano dalle previsioni per l’anno in corso. In evidenza sempre le entrate per i Servizi sociali (oltre 42 milioni di euro), per l’istruzione e il diritto allo studio (oltre 11 milioni), per i trasporti e la mobilità (circa 6 milioni) e l’ambiente (oltre 30 milioni).

 

Il servizio trasmesso il 19 aprile da Canale 12