Attacco Usa alla Siria, il Pci condanna il governo italiano

«Gentiloni si sta dimostrando subalterno a Trump allineandosi da subito ai bombardamenti», scrive in una nota la segretaria della federazione sassarese Patrizia Marongiu

 

PatriziaMarongiu

Patrizia Marongiu

Sassari. La federazione sassarese del Partito Comunista Italiano denuncia «l’aggressione americana alla Siria che allontana le già difficili prospettive di pace e indebolisce la lotta al terrorismo di matrice jihadista mentre era in rotta sul quadrante siro-iracheno. Il primo atto di Trump è una dichiarazione di guerra che utilizza un pretesto, come già fecero i predecessori, con Saddam Hussein per poter scatenare la guerra in Iraq. Si tratta dell’ennesima dimostrazione della protervia dell’imperialismo Usa che non vuole una vera lotta al terrorismo e intende la difesa dei valori democratici a corrente alternata: alleati con Arabia Saudita e Qatar che armano i terroristi e succubi del satrapo Erdogan che li ha protetti per anni in funzione anti curda. Bisogna mobilitarsi per costruire la pace nella regione e impedire presunte esportazioni di democrazia a suon di bombe che massacrano la popolazione civile in realtà per poter abbattere governi sgraditi. Il Pci – rimarca la segretaria della federazione di Sassari, Patrizia Marongiu – condanna il governo italiano per la sua subalternità al governo Trump allineandosi da subito ai bombardamenti».