Sassari

All’Università di Sassari interventi edilizi per 83 milioni di euro

Firmato un accordo con Banco di Sardegna, Confindustria, Ance e Confidi Sardegna per sostenere finanziariamente le aziende che si aggiudicheranno le gare di appalto

 

 

ProtocolloUnissBancoSardegnaConfindustria1Sassari. È stato firmato giovedì mattina l’accordo di collaborazione tra Università di Sassari, Banco di Sardegna, Confindustria Nord Sardegna, Ance Nord Sardegna e Confidi Sardegna, con l’obiettivo di sostenere finanziariamente le aziende che si aggiudicheranno le gare di appalto bandite dall’Università di Sassari e che si avvarranno dei finanziamenti garantiti dai fondi Fas.

L’accordo di collaborazione consente alle imprese aggiudicatarie di gare d’appalto bandite dall’Università di Sassari di accedere, a condizioni economiche di favore, a specifiche offerte di finanziamenti elaborati dal Banco di Sardegna – che tra l’altro cura in convenzione la cassa dell’Ateneo – e garantite dal Confidi Sardegna, al fine di supportare al meglio sia la parte di capitale circolante, che gli investimenti necessari alla realizzazione delle opere in progetto. L’accordo è esteso a tutto il territorio dove siano già attive, o saranno attivate, filiali del Banco di Sardegna, che, insieme al Confidi, valuterà il merito creditizio e la classe di rating della singola impresa vincitrice che facesse richiesta di accesso alle operazioni oggetto del presente accordo, dandone comunicazione agli interessati entro il termine di 30 giorni dal ricevimento delle richieste medesime. «Nei prossimi mesi avremo importanti interventi edilizi per più di 80 milioni di euro. Questo ha implicazioni importanti sul territorio: in un momento di crisi come quello attuale dobbiamo garantire gli investimenti dell’Università ma anche le imprese che lavoreranno su questi appalti. Ecco perché abbiamo concluso questo accordo, che fa parte di una strategia che vede il Banco di Sardegna lavorare insieme su tante iniziative», ha detto il rettore Massimo Carpinelli. CuccureseCarpinelli«È bene che si muovano insieme tutti gli attori del sistema. Mai come in questo momento è opportuno intervenire in questo modo. Saranno garantiti anticipi sugli ordini, che poi saranno trasformati in anticipi su fatture. Il primo plafond che renderemo disponibile sarà di 30 milioni di euro», ha aggiunto Giuseppe Cuccurese, direttore generale del Banco di Sardegna. Alla firma dell’accordo erano presenti anche i presidenti di Confindustria e ance Nord Sardegna Pierluigi Pinna e Andrea Piredda e dal vice presidente del Confidi Sardegna Achille Carlini.

In ballo ci sono 63 milioni dai fondi Fas e 20 milioni di euro (20.444.625,28) di cofinanziamento dell’Ateneo, per un totale di 83.444.625,28. Gli appalti riguardano sette poli: area veterinaria (5.100.000 euro), area agraria (3.600.000 euro), Orto botanico (27.216.886,07 euro), Farmacia (7.000.000), Polo umanistico di via Roma (18.727.739,21), l’area della sede centrale (17.800.000 euro, tra cui anche l’ex Estanco e palazzo Zirulia) e le strutture di economia in via Muroni (4.000.000).

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: